Menu
Tablet menu

Scale a chiocciola, come in una favola In evidenza

Probabilmente non tutti sanno che le scale a chiocciola sono nate nei castelli e forse per questo, nel nostro immaginario, continuiamo ad associarle a qualcosa di nobile e fiabesco.

Le primissime furono infatti costruite nei castelli medievali per ragioni militari, ovvero per permettere ai soldati di raggiungere i punti più alti e strategici della struttura. Occupando pochissimo spazio, potevano essere inserite anche in torri anguste e strette ed erano perciò in questa prima fase essenzialmente scale di servizio.

Non ci misero però molto a diventare scale di rappresentanza. Il genio e l’estro dei grandi architetti del Rinascimento intuirono presto che la loro forma elicoidale e sinuosa poteva essere sfruttata per creare grandiose opere d’arte.

Tutti abbiamo visto almeno uno di questi grandi capolavori: la scala esterna del palazzo Contarini del Bovolo a Venezia, la scala elicoidale dei Musei Vaticani a Roma o ancora la scalinata del Castello di Chambord, nella valle della Loira, ideata da Leonardo da Vinci che grazie a una struttura a doppia elica fa in modo che chi scende e chi sale non si incontrino mai.

E con il passare dei secoli, il fascino di queste strutture non accenna a scomparire. Anzi.
Molte strutture contemporanee riprendono il fascino di queste forme antiche reinterpretandole con materiali e design moderni. È il caso della grande scala a chiocciola in vetro della City Hall di Londra, progettata dal grande architetto Norman Foster e inaugurata nel 2002.

Un altro progetto iconico che abbiamo tutti davanti agli occhi è il Museo Guggenheima New York: qui addirittura è l’intera struttura espositiva ad essere concepita come una grandiosa spirale elicoidale facendone la prima e più bella opera d’arte da ammirare all’interno del museo.

Se passiamo dai grandi capolavori antichi e moderni alle nostre abitazioni, ci sono altrettante soluzioni di design che rendono le scale a chiocciola un punto di forza dell’intera casa.

Nelle villette a due piani, così come nei duplex dei nuovi condomini cittadini le scale a chiocciola rappresentano un ottimo sistema per risparmiare spazio prezioso ed evitare di avere sottoscala difficilmente utilizzabili.

Come i modelli di Scale di Pira, che sono realizzati con moduli prefabbricati e garantiscono alte prestazioni.
I gradini di cementi, posti uno sull’altro, formano un sistema autoportante che ha una resistenza superiore alle normali scale in calcestruzzo armato ed è antisismico.
Belle e sicure, possono essere studiare e realizzate anche soluzioni e finiture su misura a richiesta del cliente.

E se invece abbiamo una villetta da cui volgiamo realizzare due appartamenti con entrate separate? Le scale a chiocciola sono un’ottima soluzione anche per l’esterno. Basta scegliere materiali e posizione giusta.

Vota questo articolo
(1 Voto)
Torna in alto