Menu
Tablet menu

Una boutique all'aperto per Barbie!

Per Barbie, bellissimi abiti da giorno e da sera fatti a mano con stile e passsione.

Sono belle le vacanze quando ti permettono di fare quelle cose che di solito, con i ritmi frenetici della città, risultano impossibili. Come passeggiare nel centro storico di una deliziosa cittadina, San Benedetto del Tronto e, del tutto casualmente, finire tra le bancarelle di un mercatino artigianale.

Va detto che le Marche sono un po' la culla dell'artigianato manifatturiero in particolare per pelletteria e confezioni. Questo lo si evince a partire dai negozi (molti dei brand più noti della pelletteria italiana hanno le fabbriche in questa regione) ma anche dall'artigianato locale, fortunatamente ancora presente in piccoli negozi o nei mercati rionali.

E così passeggiando tra una bancarella e l'altra mi imbatto in qualcosa di veramente unico, una vera e propria boutique all'aperto per la mitica bambola che ha appena festeggiato i sui primi cinquant'anni: la Barbie!

Tutti i capi esposti sono rigorosamente fatti a mano, uno ad uno, ed esposti con grande gusto in ordine cromatico: abiti da giorno, cappottini, pantaloni, gonne e maglioncini. E poi incantevoli abiti da sera in tulle ed organza, rifiniti in pizzo o con pelliccia sintetica. E ancora cappellini, borsette e tanti accessori. Ogni modello disponibile in diverse varianti colore e venduto con scarpe a corredo, in abbinamento a scelta.

Di fronte ad uno spettacolo simile, se fossi stata bambina, sarei stata colta da svenimento. Con qualche anno in più mi sono limitata ad ammirare quel piccolo angolo fiabesco, mentre mia figlia saltellava da uno stand all'altro indecisa su quale abito acquistare. La scelta è infine caduta su un modello molto raffinato: un abito con doppia gonna a ruota, bustino e rosa al fianco. Il tutto per SOLI 10,00 euro! (Ripensandoci rimpiango di averne acquistato solo uno!).

L'Italia è bellissima anche per queste piccole realtà che la fanno grande, in particolare agli occhi dei turisti stranieri e che noi dovremmo riscoprire e soprattutto valorizzare. Alla base c'è sicuramente una tradizione manufatturiera importante che dall'artigianato sconfina all'hobbismo, ma che rimane sempre un grande patrimonio.


Vota questo articolo
(3 Voti)
Torna in alto